Autostrade: pedaggi più cari anche del 77%

 

[wysija_form id=”4″]

 

Il calo del 3,3% in un anno dei costi di produzione evidenzia che non c’è motivo di prevedere un aumento dei prezzi al consumo per il 2016. E invece, puntuali come ogni anno, sono già arrivati i primi rincari. Dal 1° gennaio, infatti, sono in vigore le nuove tariffe autostradali: i pedaggi sono aumentati mediamente dello 0,86%.Questo significa che, confrontando il dato con un’inflazione generale allo 0,1%, il governo ha approvato che l’aumento fosse superiore a otto volte l’inflazione. Rincari che sono assolutamente ingiustificati.

Come sono cambiate le tariffe dal 1° gennaio

Nella nostra inchiesta abbiamo verificato il costo di 50 pedaggi autostradali il 28 dicembre 2015 e poi controllato il costo il 1° gennaio 2016. Abbiamo preso in considerazione percorsi su tutto il territorio nazionale che vanno da una lunghezza minima di 15 km (Alessandria-Tortona) a un massimo di 563 km (Milano – Roma).

 Tratta  Km  Prezzi  Aumenti
2015 2016
Milano – Busto Arsizio fisso 1.70 3.00 76.5%
Milano – Varese fisso 3.20 4.50 40.6%
Milano – Torino 130 14.10 14.90 5.7%
Milano – Novara 49 5.40 5.70 5.6%
Roma – Tivoli 21 2.10 2.20 4.8%
Milano – Capriate 36 2.50 2.60 4.0%
Roma – Pescara 208 20.30 21.00 3.4%
Ancona – Pesaro 59 4.10 4.20 2.4%
Milano – Piacenza 60 4.10 4.20 2.4%
Genova – Novi Ligure 57 4.70 4.80 2.1%

Rincari medi del 2%, con punte che sfiorano il 6%

Tra le tratte che hanno subito rincari che potremmo definire “non anomali”, l’aumento medio è stato di circa il 2%, con punte che sfiorano il 6% nella tratta Milano – Torino, aumentata da un giorno all’altro di 80 centesimi di euro. Nelle tratte dove l’aumento c’è stato, dunque, è stato molto rilevante, considerando soprattutto che è avvenuto da un giorno all’altro e che non ha nessun confronto con l’inflazione.

Malpensa e Varese, le tratte più penalizzate

La vera mazzata è per i milanesi che vogliono raggiungere l’aeroporto di Malpensa con l’auto e i pendolari da Varese, che si trovano sullo stesso tratto autostradale a prezzo fisso. La tratta Milano – Busto Arsizio, dove si trova l’uscita per l’aeroporto di Malpensa, aumenta del 77% e passa da un pedaggio di 1,70 euro ai 3 euro dal 1° gennaio 2016, praticamente quasi raddoppiato. La tratta Milano – Varese non è da meno: qui il pedaggio è passato dai 3,20 euro agli attuali 4,50 euro, con un rincaro del 41%.

Va meglio agli automobilisti del Sud

Circa metà delle tratte considerate non ha subito alcun aumento, questa è una notizia positiva. Anche per gli automobilisti siciliani le notizie sono confortanti: le tariffe autostradali, infatti, sono ferme al 2013. Le tratte della Salerno-Reggio Calabria, infine, continuano a essere gratuite, un’altra buona notizia per i consumatori calabresi.

Da: altroconsumo.it

[wysija_form id=”4″]

 

Commenta Con Facebook

Lascia un commento

*