Uova contaminate da fipronil: arrivano i richiami del Ministero

 

05 settembre 2017

In seguito alla positività riscontrata su un campione, il Ministero della Salute ha disposto il ritiro di alcuni lotti di uova provenienti da un allevamento della provincia di Ancona. Dopo i casi in Lazio, Campania ed Emilia Romagna, lo scandalo fipronil si espande a macchia d’olio anche in Italia. Facciamo il punto della situazione.Nelle scorse settimane è esploso lo scandalo delle uova contaminate da fipronil; scandalo che ha raggiunto anche il nostro Paese. Dopo i sequestri attuati in seguito alle positività riscontrate in Lazio, Campania ed Emilia Romagna, infatti, il Ministero della Salute ha disposto un nuovo richiamo. Stando a quanto comunicato, in un campione di uova prodotte dall’allevamento Società Agricola Fattorie Valle del Misa di Ostra Vetere (AN) è stato riscontrato un valore di fipronil pari a 0,98 mg/kg, superiore al limite di tossicità acuta di 0,72 mg/kg. Le uova richiamate appartengono a varie categorie, tutte provenienti dallo stesso allevamento e identificate con i lotti 31-32-33-e 34 2017, codice allevamento (indicato sulle uova) 3IT036AN089.

Se hai uova provenienti dall’allevamento, riportale in negozio

Nel caso in cui qualcuno fosse in possesso di uova provenienti dallo stesso allevamento, il Ministero raccomanda di evitare di consumarle e di riportarle al punto vendita. A tal proposito ricordiamo l’opinione dell’Istituto tedesco di valutazione (BfR), che prende in considerazione un potenziale consumo di uova contaminate da fipronil per una quantità pari a 1,2 mg/kg, quindi maggiore rispetto a quanto rilevato sui lotti oggetto di richiamo. Stando al BfR, questo quantitativo potrebbe rappresentare un rischio per superamento della dose acuta di riferimento solo nei neonati di peso medio di 8,7 kg, con un consumo di circa 2 uova al giorno. Uno scenario che, anche stando a quanto confermato dal Ministero, non risulta rappresentativo dei consumi della popolazione italiana, specie in riferimento ai bambini.

Cos’è il fipronil e quali rischi comporta per la salute?

Il fipronil (o fluocianobenpirazolo) è un insetticida ad ampio spettro che, come principio attivo, viene utilizzato anche come antiparassitario per gli animali da compagnia. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità avrebbe un impatto negativo su fegato, reni e tiroide e, per questo motivo, la sostanza è vietata per il trattamento degli animali destinati al consumo umano. I rischi sono proporzionati alla quantità di prodotto ingerito, ma non possono essere escluse complicazioni nel caso dell’ingestione da parte di bambini.

Cosa significano quei numeri stampati sui gusci?

Ti sei mai chiesto cosa significano i numeri e le lettere stampate sul guscio delle uova? Non sono semplici numeri di lotto, ma dicono molto sull’origine e la qualità dell’uovo, e persino sulla gallina che l’ha deposto. Ecco come si leggono.



di: https://www.altroconsumo.it/alimentazione/sicurezza-alimentare/news/uova-contaminate-fipronil


 

Commenta Con Facebook
Precedente ATTENZIONE - Latte Nestlé Nidina Optipro 3: richiamati due lotti Successivo L'acqua del rubinetto e i trucchi dei venditori di filtri e impianti di depurazione.

Lascia un commento

*