Le Migliori Foto storiche rare e importanti

 

Se una foto vale mille parole, una foto storica potrebbe valere come centinaia di libri di storia. Esagerato? Probabilmente sì, ma ecco .

1936 – Un uomo si rifiuta di fare il saluto nazista
Durante il varo di una nave da guerra, alla presenza di Adolf Hitler, c’è un solo uomo che non saluta, che non grida Sieg Heil. Si chiamava August Landmesser e questa è la sua storia. Landmesser si era iscritto al partito nazista nel 1931, più per trovare un lavoro che per passione politica. Nel 1934 conobbe e si sposò con Irma Eckler, una donna ebrea. Il suo amore gli costò l’espulsione dal partito, l’anno successivo, e il campo di concentramento, nel 1938, dopo vari tentativi di fuga all’estero e diversi processi. La moglie morì in un campo di concentramento nel 1942; lui dopo due anni di lavori forzati fu arruolato di forza in un battaglione di disciplina e morì, disperso, in Croazia

1967 – La mattina del giorno in cui la Svezia cambiò la guida da sinistra a destra
Alle 5 del mattino del 3 settembre 1967 scattò il Dagen H (il Giorno H, in italiano). La H sta per Högertrafik, che in svedese significa “circolazione a destra”. Quel giorno la circolazione stradale passò dalla guida a sinistra alla guida a destra, non senza incidenti, polemiche e disguidi.

1912 – Test di resistenza dei caschi da football americano
Non è chiaro chi sia l’inventore dei caschi per i giocatori di football americano, l’unica difesa contro i traumi cranici. Nel 1896 qualcuno iniziò a usare cinghie e auricolari per proteggere le orecchie. Nel 1900 i caschi vennero induriti con il cuoio e pian piano andarono a ricoprire tutto il capo. Negli anni ’50 l’arrivo della plastica mandò in soffitta i caschi in cuoio che venivano testati anche con metodi che oggi potremmo definire poco scientifici.

1936 – Jesse Owens sul podio del salto in lungo alle olimpiadi di Berlino
Nell’estate del 1936 si celebrano le olimpiadi a Berlino. È l’occasione per Adolf Hitler e per la sua propaganda nazista per promuovere davanti alla Germania e al mondo la teoria della supremazia della razza ariana (e di conseguenza dell’inferiorità dei neri). È in questo contesto che Jesse Owens arriva a Berlino. Tornerà negli Stati Uniti con 4 medaglie d’oro (100, 200, salto in lungo e staffetta 4×100), 2 record mondiali e uno olimpico. Hitler reagì allo smacco sostenendo che gli afroamericani erano un popolo primitivo e pertanto avevano una costituzione fisica più robusta e più adatta alla corsa.

Nikola Tesla in laboratorio
Una foto pubblicitaria di Tesla seduto nella stazione sperimentale di Colorado Springs con il suo trasmettitore d’amplificazione. Gli archi sono lunghi circa 7 metri.

1922 – Il sigillo intatto della tomba di Tutankhamon
A differenza di quelle di quasi tutti gli altri faraoni, la tomba di Tutankhamon fu ritrovata intatta dal suo scopritore, l’inglese Howard Carter, il 4 novembre 1922. Fu una scoperta straordinaria, resa possibile dalla tenacia di Carter, che continuò a setacciare la Valle dei Re quando ormai si pensava non ci fosse più nulla da scovare. Invece saltò fuori quella tomba inviolata colma di tesori mai visti prima, con uno splendido sarcofago dorato che racchiudeva la mummia intatta di un giovane re.  La camera funeraria della tomba KV62 (quella di Tutankhamon) fu aperta alla presenza tra gli altri della regina del Belgio, ospite d’onore, nel febbraio 1923, tre mesi dopo il ritrovamento. Alla mummia, però, si sarebbe arrivati solo nel novembre del 1925. Prima fu necessario misurare, fotografare, catalogare e consolidare una stanza dopo l’altra (in tutto quattro).

1939 – Albert Einstein al mare
Una rara immagine di Einstein durante un soggiorno di riposo a Long Island (New York), nell’estate del 1939.

1907 – Annette Kellerman si batte per il diritto delle donne di poter vestire un costume da bagno intero, ma attillato, Venne arrestata per atti osceni.

Anni ’20 – Controllo costume da bagno
All’epoca le donne con costumi troppo corti venivano multate.

1969 – La folla al concerto di Woodstock
Il festival di Woodstock si svolse a Bethel, una piccola città nello stato di New York, dal 15 al 18 agosto 1969. Fu una “3 giorni di pace e musica” che raccolse circa 400.000 spettatori.

1988 – Le tombe di una donna cattolica e del marito, protestante, divise da un muro. Siamo in Olanda

1990 – Una donna di 106 a guardia di casa
Siamo nel villaggio di Degh, vicino alla città di Goris, nell’Armenia meridionale, una zona contesta con l’Azerbaijan. Era il 1 gennaio 1990 e la donna stava difendendo la sua abitazione.

1932 – Manutenzione della Tour Eiffel
Nel 1889, alla sua terza esposizione universale, la Francia stupisce il mondo inaugurando la Torre Eiffel, che diventerà il monumento simbolo di Parigi e il sito a pagamento più visitato al mondo (ancora oggi).

1937 – Gabbia prendisole per bambini
Costruita nel 1937 e distribuita a Londra ai membri del Chelsea Baby Club, la gabbia da appendere alla finestra era pensata per le famiglie con bambini, ma senza un cortile o un giardino dove farli stare all’aria aperta e al sole.

1959 – A scuola in carrucola
Un gruppo di bambini con grembiuli e cartelle attraversa il fiume Panaro a Guiglia, vicino a Modena, per recarsi a scuola. Sono gli abitanti di due frazioni, Barletta e Castellino, che per andare a scuola devono attraversare il Panaro scorrendo lungo una corda d’acciaio tesa sul fiume.

1940 – Londra, una bambina siede con la sua bambola sui resti della sua casa bombardata dai nazisti

Jan Rose Kasmir durante la marcia contro la guerra in Vietnam, 1967. Quest’immagine scattata a Portland ha fatto il giro del mondo ed è diventata un simbolo di OWS. Non è un caso che arrivi dalla capitale dell’Oregon, dove i movimenti di contestazione hanno una lunga storia alle spalle. Nell’entourage di Bush la chiamavano “la piccola Beirut”.

1944 – Georges Blind, membro della resistenza francese, sorride davanti al plotone di esecuzione

1945 – La prima bomba atomica
Si chiamava The Gadget e venne fatta esplodere alle 05:29:21 del 16 luglio 1945 su una rampa alta 30 metri posta nel deserto del New Mexico. Fu il primo ordigno nucleare a esplodere e provocò un cratere di materiale vetrificato profondo 3 metri e largo 340 metri. Le montagne vicine vennero illuminate a giorno per 2 secondi e investite da un calore devastante; l’onda d’urto fu registrata a 160 km di distanza mentre il fungo atomico raggiunse i 12 km di altezza. In seguito al successo del test vennero preparate 2 bombe. la prima fu sganciata su Hiroshima il 6 agosto; la seconda, con lo stesso meccanismo di questa bomba, rase al suolo Nagasaki il 9 agosto. Le due esplosioni provocarono almeno 148.000 morti immediate e un totale di 340.000 decessi.

1914 – Operai sul ponte di Brooklyn

La foto storica di Nick Ut, diventata simbolo della guerra del Vietnam, in cui Kim Phuc corre nuda per fuggire alle bombe al napalm appena sganciate

La foto storica di Nick Ut, simbolo della guerra del Vietnam

1965 – Soldato sconosciuto in Vietnam
Al momento dello scatto – che si può vedere anche a colori in due versioni (Versione 1| Versione 2)- il nome del soldato era sconosciuto. In seguito a varie ricerche si scoprì in seguito che con ogni probabilità quell’uomo era Larry Wayne Chaffin, appartenuto alla 173esima brigata Airborne dell’esercito statunitense durante la guerra del Vietnam.

1862 – Il primo viaggio della metropolitana londinese
Foto scattata alla Edgware Road Station ancora in costruzione. La stazione della metropolitana di Baker Street, inaugurata nel 1863, fu la prima al mondo. Dickens scrisse dei lavori per la sua costruzione e ne parlò come di un “segno di civiltà”.

1938 – Carrozzella antigas in Inghilterra
Minacciato dalla guerra imminente, un residente di Hextable, una cittadina del Kent, aveva inventato un passeggino a prova di guerra chimica.

Horace Greasly sfida Heinrich Himmler

Questa immagine, passata alla storia come un’icona dell’orgoglio alleato, ritrae il prigioniero di guerra Horace Greasley che lancia occhiate di sfida al generale nazista Heinrich Himmler. Nell’immaginario collettivo i due si sfidavano con lo sguardo. In realtà Greasley non aveva la più pallida idea di chi fosse l’uomo che stava guardando fisso negli occhi.


Di_http://portalemisteri.altervista.org/blog/foto-storiche-rare-e-importanti/


 

Commenta Con Facebook

Lascia un commento

*