Le 6 auto più rubate in Italia

 

Su un totale di 4.368 furti registrati secondo l’azienda di recupero beni rubati “LoJack Italia”, la Toyota Rav figura tra i primi tre SUV “trattati” dai ladri di professione con ben 303 mezzi sottratti ai legittimi proprietari soltanto nel corso del 2015. Si tratta spesso e volentieri di modelli nuovi di zecca o quasi, presi di mira dagli scassinatori capaci di tenere testa ai più sofisticati sistemi di protezione con allarme satellitare del veicolo.


Ancora più gettonata per gli illeciti traffici di automobili di ultima generazione è la Nissan Qashqai, finita in centinaia di casi (444 in totale) nel mirino dei malviventi organizzati in quanto “sport utility vehicle” di grande richiamo a livello internazionale e dominatrice assoluta, non da oggi, del settore premium.


Irraggiungibile, almeno nella categoria di appartenenza, il record negativo del Range Rover che con ben 640 furti denunciati dai proprietari in dodici mesi risulta al momento il SUV meno sicuro dal punto di vista della capacità di resistenza agli assalti dei topi d’auto. In Italia, è bene ricordarlo, vengono rubate mediamente 13 vetture ogni ora e 312 al giorno (quasi 115mila in un anno).


Tra le utilitarie è Fiat il brand di riferimento dei ladri specializzati in “colpi grossi” al volante di veicoli a quattro ruote: sul podio della graduatoria nazionale non poteva mancare un posto per la storica Cinquecento (preda molto ambita anche nella nuova versione)


fiat_punto_ii_facelift_rear

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vittima designata dell’inarrestabile traffico di mezzi rubati, la Fiat Punto fa mercato grazie alla forte richiesta di pezzi di ricambio “concorrenziali” da nord a sud della Penisola.


Leader incontrastata, suo malgrado, del commercio di macchine rubate sul territorio italiano, è la Fiat Panda: unica consolazione, la percentuale piuttosto elevata (oltre il 50%) di recuperi, in tempi rapidi, da parte delle forze dell’ordine dopo la denuncia dei mezzi scassinati.


Fonte Qui

Commenta Con Facebook

Lascia un commento

*