Equitalia confessa! Una cartella su cinque è del tutto inventata da 15 anni a questa parte, le cifre vi faranno rabbrividire.

 

Sapete quante volte il fisco si sbaglia? accade una volta su cinque. In 15 anni sono stati 217 i miliardi di cartelle Equitalia “erroneamente” riscosse.

 

Equitalia invia cartelle per debiti non dovuti o con degli errori a tutti noi cittadini, sbagliandosi una volta su cinque,che alla fine vengono annullate perché non sussistono le basi per la riscossione. Questi ‘errori’ dal 2000 al 2015 hanno riguardato il 20,5% delle cartelle in carico a Equitalia, per circa 217 miliardi di euro, emesse per un errore dall’ ente aguzzino.


A fornire il dato è stato l’ad di Equitalia, Ernesto Paolo Margone, in una seduta al Senato durante la quale ha anche evidenziato che dal 2006 ad oggi “le riscossioni sono sensibilmente aumentate” arrivando ad una media annua di 7,7 miliardi di euro.
Pertanto possiamo certamente affermare che negli ultimi 15 anni sono stati riscontrati “errori” per un totale di 217 miliardi di euro di cartelle poi annullate dalla pubblica amministrazione perché lo stesso ente creditore ha furbamente deciso di annullare tutte le cartelle ancor prima della sentenza del giudice. Per farla semplice il caso in questione si riferisce, ad esempio, al momento in cui vi viene chiesto di pagare una bolletta della luce o una qualsiasi altra tassa dopo anni, ma che in realtà avete già pagato in passato e se per caso non avete conservato la ricevuta di pagamento, non avendo modo per dimostrare di avere già saldato il conto, sarete costretti a ripagare.


Fonte_qui

Commenta Con Facebook

Lascia un commento

*